Codice SDI: che cos’è? | Come si ottiene il Codice SDI?2021-06-22T10:04:59+02:00

IL GLOSSARIO DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA.

Codice SDI fatturazione elettronica: che cos’è?

Il Codice SDI – anche detto Codice Destinatario è un codice composto da sette cifre (numeri e lettere) che indica il destinatario di una fattura elettronica. Identifica solitamente lo strumento che il ricevente utilizza per gestire la fatturazione elettronica. Il codice destinatario di Yerp! per esempio è 3ZJY534, e tutti coloro che utilizzano il nostro software di fatturazione dovranno comunicare questo codice ai propri fornitori.

Avere il Codice SDI del soggetto a cui si vuole inviare la fattura elettronica è dunque importante, ma qualora non fosse disponibile basta indicare al posto del codice destinatario un codice a 7 zeri “0000000”: in questo modo il destinatario riceverà comunque le fatture o nel cassetto fiscale o nello strumento che ha precedentemente indicato sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso di fatture indirizzate ad un soggetto estero invece, il codice speciale da indicare è “XXXXXXX” (sette “X”).Ricordiamo che l’invio delle fatture elettroniche all’estero è consigliabile in quanto evita di dover comunicare i dati dell’Esterometro all’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in cui il destinatario fosse invece la Pubblica Amministrazione, il codice SDI è detto “Codice Univoco Ufficio (CUU)” o codice “iPA”.

Come si ottiene il Codice SDI?

Agli abbonati a Yerp! lo forniamo direttamente noi (“3ZJY534”).

Per chi decide invece di utilizzare il servizio dell’Agenzia delle Entrate ecco i dettagli presi dal sito www.fatturapa.gov.it:

Il Codice Destinatario a 7 caratteri, che può essere utilizzato solo per fatture elettroniche destinate ai soggetti privati, potrà essere reperito attraverso un nuovo servizio reso disponibile entro il 9 di Gennaio 2017 sul sito www.fatturapa.gov.it, pagina Strumenti – Gestire il canale. Il codice potrà essere richiesto solo dai quei soggetti titolari di un canale di trasmissione già accreditato presso il Sistema di Interscambio per ricevere le fatture elettroniche. É possibile richiedere più codici fino a un massimo di 100. Per i soggetti che invece intendano ricevere le fatture elettroniche attraverso il canale PEC, è previsto l’uso del codice destinatario standard ‘0000000’ purché venga indicata la casella PEC di ricezione in fattura nel campo PecDestinatario. Vale la pena ricordare che per le fatture elettroniche destinate ad Amministrazioni pubbliche si continua a prevedere l’uso del codice univoco ufficio a 6 caratteri, purché sia censito su indice delle Pubbliche Amministrazioni (www.indicepa.gov.it)

Comunica all’Agenzia delle Entrate il tuo Codice Destinatario.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un servizio di registrazione dell’indirizzo telematico prevalente, che permette di indicare il proprio codice destinatario, con lo scopo di ricevere sempre le fatture elettroniche di acquisto all’interno del canale indicato.

In questo modo se un tuo fornitore indicherà il codice destinatario generico a sette zeri (“00000000”) o solo la PEC, tu riceverai comunque correttamente le fatture nel canale indicato (es. all’interno del tuo software di fatturazione). Scopri come fare leggendo questo articolo: Fattura elettronica 2019, registrazione dell’indirizzo telematico e QR-Code.

Torna alla pagina principale

Glossario.

Che cosa aspetti?
Inizia subito a fatturare con Yerp!

Puoi provarlo gratuitamente per 30 giorni.
Poi decidi tu il piano che fa per te!

Provalo Gratis!
Torna in cima