Documento di trasporto (DDT) – definizione2021-06-29T12:43:43+02:00

DIZIONARIO DI CONTABILITÀ.

DDT – Documento di trasporto: che cos’è ?

Documento di trasporto o DDT: significato

Il documento di trasporto o DDT è un documento che ha lo scopo di certificare il trasferimento di uno o più beni dal venditore a colui che ha acquistato la merce.

Introdotto per sostituire la bolla di accompagnamento (DPR 472/96), il DDT viene in genere prodotto in duplice copia: una per il venditore e una che accompagna la merce da consegnare.

Oltre ad avere un valore fiscale, il DDT permette anche di garantire la sicurezza della merce: ha infatti valore probatorio in caso di smarrimento o di mancata consegna.

Il Documento di trasporto deve contenere i seguenti dati obbligatori:

  • numero identificativo del documento;
  • data;
  • informazioni sull’azienda, sul cliente e sui trasportatori;
  • quantità, peso e descrizione del bene trasportato;
  • numero di colli.

Ricordiamo che il DDT può essere utilizzato anche per beni a titolo non traslativo di proprietà, bensì in qualità di:

  • Conto Visione: per beni che devono essere visionati e poi restituiti;
  • Prestito d’uso: per beni che possono essere utilizzati durante le lavorazioni;
  • Conto lavorazione: per beni che devono essere spediti al fornitore per essere sottoposti ad un processo di lavorazione e poi essere reinviati all’acquirente;
  • Omaggio: per beni a titolo gratuito (ad eccezione dell’iva se l’omaggio lo richiede).
  • Conto riparazione: in caso di beni in garanzia che vanno riparati;
  • Reso.

Il Documento di Trasporto è obbligatorio per il trasporto merci e, in caso di controlli, l’assenza del documento può comportare il fermo amministrativo ed una multa tra i 400 e i 1200 euro.

Torna al Dizionario di Contabilità

Altre definizioni.

Cerchi un software per creare fatture in modo semplice?
Inizia subito a fatturare con Yerp!

Puoi provarlo gratuitamente per 30 giorni.
Poi decidi tu il piano che fa per te!

Provalo Gratis!
Torna in cima